X Utilizziamo i cookie per essere sicuri di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per maggiori informazioni clicca qui.
  


Civita e dintorni

Civita è una frazione del comune di Bagnoregio, in provincia di Viterbo, nel Lazio, facente parte dei borghi più belli d'Italia, famosa per essere denominata "La città che muore". Si trova nella valle dei calanchi un'area situata tra il lago di Bolsena ad ovest e la valle del Tevere ad est, nel comune di Bagnoregio.
È costituita da due valli principali: il Fossato del Rio Torbido e il Fossato del Rio Chiaro. In origine questi luoghi dovevano essere più dolci e accessibili ed erano attraversati da un'antica strada che collegava la valle del Tevere al Lago di Bolsena. La morfologia di quest'area è stata provocata dall'erosione e dalle frane. Il territorio è costituito da due formazioni distinte per cronologia e tipo. Quella più antica è quella argillosa, di origine marina e costituisce lo strato di base, particolarmente soggetto all'erosione. Gli strati superiori sono invece formati da materiale tufaceo e lavico.
La veloce erosione è dovuta all'opera dei torrenti, agli agenti atmosferici, ma anche al disboscamento. Abitata da sole sette persone (al 2016) e situata in posizione isolata, Civita è raggiungibile solo attraverso un ponte pedonale in cemento armato costruito nel 1965. Il ponte può essere percorso soltanto a piedi, ma recentemente il comune di Bagnoregio, venendo incontro alle esigenze di chi vive o lavora in questo luogo, ha emesso una circolare in cui dichiara che, in determinati orari, residenti e persone autorizzate possono attraversare il ponte a bordo di cicli e motocicli.
La causa del suo isolamento è la progressiva erosione della collina e della vallata circostante, che ha dato vita alle tipiche forme dei calanchi e che continua ancora oggi, rischiando di far scomparire la frazione, per questo chiamata anche "la città che muore" o, più raramente, "il paese che muore".

Palazzo Monaldeschi

Palazzo Monaldeschi è una dimora storica situata nel cuore della Tuscia che risale al XVII secolo.
Sorge nelle colline Orvietane, nel centro storico del villaggio di Lubriano, un antico borgo che domina una delle valli più suggestive della Teverina: La Valle dei Calanchi.

Lubriano è una zona di assoluta tranquillità, con negozi e servizi di ogni genere come alimentari, tabaccai, uffici postali, bar ristorante, farmacie, etc....
Lontana dal traffico è al centro di luoghi d'arte e di cultura e svago, come Orvieto, Todi, Tuscania, Caprarola, Bagnaia, Bolsena e Viterbo.
Possibilità di organizzare Matrimoni, meeting e degustazioni.



Blog

Seguici su Facebook

Realizzato da InfoMyWeb - Segnalato su Tuscia in Vetrina - Credits